Il calabrone detto anche giallone o cinghialotto o bofonchio a seconda della zona di Italia ma che scientificamente risponde al nome di “Vespa crabro” è un grande predatore delle api da miele. Nel tempo ha instaurato con la sua preda un equilibrio ecologico che permette la convivenza di queste due specie. Recentemente, però, una “nuova” vespa è arrivata in Italia si chiama “Vespa velutina”. E’ entrata in Italia attraversando il confine tra Francia e Liguria ma in Francia era arrivata anni prima dal sud-est asiatico. Questa vespa, definita quindi “aliena” si è rivelata essere un temibilissimo predatore delle api ed ha messo in ginocchio l’apicoltura francese. Affascinanti le sue strategie di caccia, le modalità di attacco e la sua biologia. Cosa possiamo fare per contenere questa nuova invasione o per limitare i danni  all’apicoltura?

Relatore: Antonio Felicioli

Biologo, entomologo, ricercatore universitario e appassionato al mondo naturale, insegna chimica, biochimica, biologia molecolare e apicoltura presso il Dip. di Scienze Veterinarie dell’Università di Pisa.

Per approfondimenti visitare il sito: https://www.stopvelutina.it/

condividi su: